Autismo: un mio consiglio su come orientarsi …

0 Pubblicato da lun, 25 marzo 2013, 11:42

Autismo: un mio consiglio su come orientarsi per Diete, Cure Farmacologiche, Esami di Laboratorio, Trattamenti Riabilitativi.

 

Cari Genitori, in questi giorni è in circuito sul WEB una lettera del Dottor Franco Verzella, Medico DAN! (di cui posso, a richiesta inviare copia) e siccome gli argomenti da Lui toccati nella lettera stanno creando in molti di noi tanti dubbi, stanno scatenando polemiche e contrapposizioni molto forti, mi sono permesso di scrivere un articolo su tutti questi argomenti : Sperimentazioni, Diete Glutine – Caseina e integratori, Cure Farmacologiche, ed Esami di Laboratorio molto specialistici; e termino con un mio parere sui Trattamenti Riabilitativi.

 

Io stesso, che pur non essendo un Medico, (ho fatto studi da Chimico), sono da sempre attento a questi Argomenti e che, dopo aver partecipato 5 anni fa al Convegno Internazionale di Barcellona su Biochimica ed Autismo, ho creato nel Sito la “Finestre Dieta senza Glutine e Caseina” e la Finestra “Esami di Laboratorio”, mi trovo in seria difficoltà perché non riesco a discernere su chi abbia ragione in questa situazione, in cui si è passati in poco tempo dalla certezza della giustezza dell’operato dei Medici che in Italia ed in Europa da lungo tempo stanno curando l’Autismo, al dubbio che non si stia facendo tutto il necessario per la cura dei nostri figli, leggendo quello che viene fatto in ambienti Scientifici (anche se non governativi negli Stati Uniti d’America); mi riferisco ovviamente al Progetto DAN!.

 

Vi chiedo quindi di seguire con pazienza le mie dissertazioni sull’argomento, che spero di riuscire a rendere semplici e comprensibili per tutti; e poi alla fine Vi dirò francamente come la penso e cosa Vi posso consigliare di fare.

 

Malgrado a suo tempo se ne fosse già parlato (vedi articoli sul Bollettino Angsa), tutte queste novità non sono state portate in Italia dalle Associazioni che coprono gran parte del territorio Nazionale, ma sono state iniziative di gruppi di Genitori che sono andati sul Web per cercare una strada diversa da quella che veniva loro proposta, l’hanno trovata, si sono incuriositi ed hanno deciso di provare questi nuovi trattamenti e riscontrando dei miglioramenti delle performance dei loro figli, hanno deciso di importarli anche in Italia e renderli accessibili a tutti.

 

Queste iniziative sono in gran parte frutto della Libertà portata da Internet che (nel bene e nel male) ha fatto in modo che le informazioni Mediche e Scientifiche di tutto il mondo fossero disponibili, rompendo di fatto un monopolio di Conoscenze che era limitato al ristretto numero degli addetti ai lavori.

 

Tale situazione è stata dirompente perché ha trovato un terreno fertile in tutta la generazione dei nuovi genitori che hanno bambini piccoli e che non si rassegnano al sentirsi dire che dall’Autismo non si guarisce e che non possono restare indifferenti, quando leggono sui Documenti del Protocollo DAN!, che c’è stata la guarigione di migliaia di bambini in questi anni; sentono dire che ci sono bambini che recentemente, in seguito ad un  trattamento di Chelazione mediante TD DMPS, sono usciti dallo Spettro Autistico, e quando possono vedere alcuni di questi bambini in un filmato dell’ultimo Congresso DAN dell’Ottobre 2004 (il filmato è disponibile gratuitamente sul WEB fino a fine gennaio).

 

A questo punto le domande da porsi sono tante: questi bambini che si dice che sono usciti dallo spettro Autistico, erano realmente Autistici? o avevano altri disturbi del comportamento molto meno gravi?; Quale è stata la griglia di partenza?; Quali Centri avevano emesso le diagnosi?; Quali strumenti sono stati usati per verificare questi progressi?; Cosa ne pensano a tale riguardo le Autorità Sanitarie degli U.S.A.?

 

A tutte queste domande purtroppo non si possono avere risposte inconfutabili perché ci troviamo di fronte alla impossibilità di dimostrare, nel tradizionale Metodo Scientifico, che questa guarigione è avvenuta: perché questa è la vera difficoltà, in quanto queste Sperimentazioni degli Stati Uniti si scontrano con la inflessibilità e con la richiesta di Scientificità dalla Medicina Tradizionale, che a tutela della salute dei pazienti, richiede delle indicazioni chiare, precise, inconfutabili e purtroppo lentissime (soprattutto a prevenzione contro quelli che sono chiamati Farmaci Killer che sono dei  farmaci che a breve termine curano, ma a lungo termine hanno effetti collaterali anche mortali che la sperimentazione a breve termine non ha evidenziato).

 

Queste Sperimentazioni prima vengono eseguite in piccoli gruppi di soggetti e poi dopo la valutazione dei risultati di questo primo gruppo, vengono aumentati i soggetti e le Sperimentazioni devono essere ad esempio necessariamente in Doppio Cieco con somministrazioni di un Placebo (sarebbe a dire che su 100 persone solo 50 ricevono la medicina da testare e le altre 50 un prodotto innocuo (Placebo) che assomiglia per colore e densità alla medicina studiata).

Tutto ciò è necessario per non sfalsare il risultato delle sperimentazioni, perché spesso la voglia disperata di guarire sembra sviluppare miglioramenti anche in persone a cui è stato somministrato il Placebo.

 

La motivazione del perché le Sperimentazioni siano così lunghe è presto spiegato: è la valutazione a lungo termine degli effetti collaterali: prendiamo ad esempio il notevole numero di effetti collaterali che possono essere provocati dai Neurolettici Atipici (di cui parlo nel proseguo della lettera), che vengono ugualmente messi in commercio ‘nonostante tutto’, perchè l’effetto collaterale è magari trascurabile rispetto al beneficio del farmaco….. in questi casi si guarda al rapporto rischio/beneficio.

In effetti, non c’è solo la possibilità “serve oppure non serve a niente”, ma ci sono anche varie altre possibilità:
a-serve, con pochi effetti collaterali sopportabili
b-serve, con molti effetti collaterali gravi ma rarissimi (uno ogni milione o effetto che compare a dosi alte etc)
c-servirebbe, se gli effetti collaterali non ne facessero un killer (e allora non lo mettono in commercio)
d serve come salvavita– Che è la classe dei salvavita e degli antitumorali, che sarebbero un ‘serve’, ma del quale gli effetti collaterali sono gravi, non rarissimi, ma nella situazione sono il male minore perché l’assunzione è breve e/o necessaria a salvare la vita, o magari sono medicine palliative (antidolorifici per malati terminali).
In Farmacia di Farmaci b ce ne sono tanti, adesso sui foglietti elencano  gli effetti collaterali per percentuale di comparsa: per esempio: un farmaco ‘stupido’ per il Raffreddore, (non faccio nomi) ma che è paracetamolo+antistaminico: che è diffusissimo; probabilmente lo abbiamo tutti a casa. Però se guardiamo tra gli effetti collaterali meno frequenti trovi… “trombocitopenie, leucopenia, agranulocitosi” [tutte e tre sono gravi carenze dei globuli del sangue] “nefrite interstiziale, epatiti, necrolisi epidermica”, e in caso di assunzione di dosi eccessive perfino “letargia, depressione respiratoria, citolisi epatica che potrebbe evolvere verso la necrosi massiva” mica c’è da scherzare………………. lo prendi per il raffreddore e ne puoi morire)
Però un farmaco del tipo d– non lo metteranno mai in commercio per terapie a lungo termine.

Questo tipo di impostazione è a mio parere condivisibile per quasi tutte le Patologie Mediche, ma risulta poco efficace nell’Autismo perché non vi si riscontra una uniformità di condizioni cliniche, anzi la drammaticità della Sindrome Autistica sta proprio nel fatto che ciascuno dei Nostri Ragazzi è un isola a se stante con problematiche biochimiche ed anche comportamentali diverse; ed è per questi motivi che io ritengo che un doppio cieco fatto su persone diverse una dall’altra perda gran parte della sua Scientificità, in quanto non si può mai essere certi di creare gruppi di pazienti Omogenei: e quindi come si fa a valutarne gli effetti collaterali? (Ritengo a tal proposito che l’unica eccezione sono gli Studi Genetici, che, guarda caso, stanno ricevendo i maggiori stanziamenti economici, vedi i recenti 21 Milioni di dollari investiti negli U.S.A.); ed è questo che sto cercando di far capire ai Responsabili delle principali Associazioni di Genitori di Soggetti Autistici, che invece difendono a spada tratta solo ed esclusivamente la scientificità della Medicina Tradizionale, stroncando ogni altro tipo di Ricerca.

 

Vorrei far notare a tal proposito che recentemente si è scatenata un’aspra polemica in Canada, dove i Medici Tradizionalisti si sono scagliati con estrema violenza contro l’Omeopatia accusandola di “non aver mai dato un riscontro di provata efficacia”; lo stesso vale per l’Agopuntura e tanti altri sistemi di cura che ormai vengono prescritti e utilizzati in tutto il mondo, a prescindere da cosa ne pensi la Medicina Tradizionale (anch’io personalmente ho i miei pregiudizi e non ho mai usato l’Omeopatia, ma vai a dirlo alle migliaia di Medici che ne prescrivono i prodotti ed ai milioni di persone che ne fanno costante uso).

 

Tornando all’Autismo, un tipo ricerca che si discosta dal Sistema Tradizionale è quella eseguita dal Dottor Bernard Rimland (che ha un Figlio Autistico), il quale, prima ha creato l’ARI (American Research Institute, Istituto Americano di Ricerca) e successivamente ha organizzato il Programma DAN! (Defeat Autism Now – Sconfiggi l’Autismo Ora), di cui molti hanno sentito parlare, ma che pochi sanno di cosa si tratti e di cosa si occupi.

 

Mi par di capire che Rimland sostenga la mia stessa opinione (o meglio io sostengo la sua, anche se ho maturato le mie convinzioni prima ancora di sentire parlare di DAN!): e cioè che le conoscenze e le Ricerche Scientifiche sull’Autismo devono confrontarsi con l’individualità biologica del singolo individuo Autistico, e che le famiglie non possono aspettare che passino anni per avere i risultati di studi epidemiologici a doppio cieco che richiedono anni e fondi difficilmente disponibili, (Studi che richiedono gruppi omogenei che Rimland, mi par di capire, ritiene difficile trovare, perché ogni bambino e’ differente dagli altri e solo i risultati dei suoi test di laboratorio dovrebbero esserne la guida per l’intervento clinico sul paziente).

E’ questo il significato del termine NOW (Ora) presente nella Sigla del DAN!.

Questo Programma DAN! fin dal 1995 organizza due congressi all’anno, in primavera sulla costa orientale ed in autunno su quella occidentale degli U.S.A., nel corso dei quali Ricercatori, Medici, operatori sanitari e familiari si incontrano per comunicarsi i risultati della Ricerca Sperimentale e Clinica.

Le Ricerche di cui si occupano più che altro riguardano la natura biologica delle alterazioni che coinvolgono principalmente intestino, funzione detossificante e attività neuroimmunitaria, che secondo Rimland sono la causa dei comportamenti autistici; questa Ricerca è sviluppata in collaborazione con fior fiore di Università che partecipano alle Ricerche utilizzando un sistema notevolmente semplificato che è strutturato mettendo al centro di tutto la famiglia.

Essa ha il ruolo strategico di riferire della salute del Soggetto Autistico e degli effetti dei rimedi prescritti sui suoi sintomi e sul suo comportamento.

Ad esempio non appena su internet è nato il caso Secretina, il DAN! è stato tra i primi a creare una sperimentazione, che purtroppo ha dato pochi risultati positivi, perché nell’Autismo, di topiche e di sperimentazioni che non porteranno a nulla ce ne saranno ancora tante.

Sicuramente gran parte delle sperimentazioni del DAN! non porteranno da nessuna parte, ma almeno si saprà sicuramente con molta più velocità rispetto al Sistema di Ricerca Tradizionale, se i prodotti testati danno risultati sicuramente negativi; nel caso invece di risultati positivi, si può invece aprire la strada alla Ricerca Tradizionale, che deve avere il compito di iniziare delle Ricerche in doppio cieco per valutarne gli effetti a lungo termine.

Le esperienze maturate all’interno del DAN! propongono un modello di comunità centrato sulla Famiglia e sulla Salute dei suoi membri, attraverso la acquisizione di una educazione biologica, “maturata sul campo” attraverso un dialogo quotidiano via Internet con medici e ricercatori; cosa che però fa inorridire i Medici tradizionali i quali non potranno mai accettare per Scientifici i dati provenienti dai Congressi DAN!….. e questo ci riporta all’annoso dubbio su chi abbia ragione e su quale approccio vada bene per i nostri bambini.

 

Nel contesto DAN! ci sono anche tutti i discorsi relativi agli Esami di laboratorio, alle Diete e agli integratori; il DAN si rivolge al Laboratorio Statunitense GREAT SMOKE (GSDL www.gsdl.com), che più o meno offre gli stessi esami dell’altro laboratorio Statunitense, il GREAT PLAINS (GPL www.greatplainslaboratory.com) di cui trovate informazioni nella finestra esami di laboratorio del mio Sito.

Il DAN! è estremamente favorevole alle Diete e all’uso di integratori; per maggiori informazioni vi rimando al Sito DAN www.danconference.com e ai due Siti Italiani collegati al DAN! (Genitori contro Autismo – www.genitoricontroautismo.org  ed il Sito curato dal Dottor Franco Verzella che è stato nominato Medico DAN! e che ha aperto recentemente tre Ambulatori DAN! in Italia www.iodellasalute.it ).

Altro Discorso riguarda il Dottor Montinari, il quale ha pubblicato un Libro dal Titolo “Autismo –  Nuove Terapie per migliorare e guarire” ed un Articolo dal Titolo “La prevenzione, il riconoscimento, la cura del danno biologico e neuro-comportamentale indotto dalle Vaccinazioni infantili”, articolo interessante ma che leggendolo mi ha lasciato parecchi dubbi.

Montinari segue da anni le problematiche dei danni da Vaccino, e si occupa anche di Autismo Regressivo con un approccio Omotossicologico con l’utilizzo di Medicinali Omeopatici e con l’uso delle Diete Glutine Caseina.

Il suo tipo Ricerca è stato fatto con lo stesso sistema di Ricerca utilizzato da Rimland, non doppio cieco, ma collaborazione dei genitori per monitorare i risultati; l’Articolo riporta di uno studio sull’osservazione di 730 casi di pazienti Autistici dai 3 anni ai 32 anni osservati dal Gennaio 1996 al gennaio 2003, che rientrano nella casistica di 1.180 pazienti osservati dagli Autori. 450 di essi sono usciti dallo Studio osservazionale per precise motivazioni individuali (e sarebbe il caso di approfondire un po’ di più i motivi di questo abbandono), visto che si tratta di un 35% di pazienti; di solito in un protocollo di sperimentazione “comme il faut” (sperimentazione classica) c’è sempre un formulario, anche per i protocolli di studio clinico sui farmaci psichiatrici, sul perché le persone abbandonano gli studi, un formulario del genere c’era? E’ stato compilato come si deve, con tutti i dati precisi?

Può essere perciò che mi manchino dei dati, chiederò comunque informazioni all’Autore ed il permesso di pubblicare l’Articolo, di cui dispongo copia in Pdf.

Tutti i pazienti erano già in trattamento riabilitativo senza presentare risultati soddisfacenti; al termine dell’Articolo si riportano miglioramenti generalizzati dei soggetti studiati, ma non vengono presentati grafici o percentuali, mentre invece di molto interessante vi sono alcune affermazioni sulla stretta correlazione tra i danni prodotti dai vaccini sul Sistema nervoso centrale, in particolare le cellule che compongono la GLIA e sul sistema immunitario dell’apparato digerente e del sistema neuroendocrino.

Anche questo Studio, senza doppio cieco, probabilmente non sarà preso in considerazione dalla medicina Tradizionale per gli stessi motivi di cui si accennava precedentemente riguardo agli Studi di Rimland.

 

IN CONCLUSIONE, CHE FARE ?

 

Diete: so che ora mi attirerò gli strali sia di coloro che sostengono che è criminale non fare i trattamenti del genere al proprio figlio, sia di coloro che sostengono esattamente il contrario; che è da criminali dargli Prodotti che non sono stati approvati dalla Ricerca Scientifica, perché ripeto che nemmeno la Dieta ha avuto dei riscontri da parte della Medicina ufficiale e che l’uso degli integratori è fortemente avversato dal F.D.A.(Food and Drug Administration).

 

Io a mio figlio ho provato 5 anni fa per oltre 6 mesi la Dieta senza Glutine e Caseina senza riscontrare miglioramenti; anzi, A. poco prima che la sospendessimo era notevolmente peggiorato, ma devo anche dire che ho anche altri due figli piccoli e non abbiamo avuto il coraggio di sottoporre anche il resto della famiglia alla Dieta e quindi per forza di cose la Dieta che abbiamo fatto ad A. non è risultata essere molto rigida perché ogni tanto riusciva ad arraffare qualcosa dai fratelli oppure dal frigorifero, inoltre come aggravante c’era la limitatissima scelta di Alimenti che A. riusciva a mangiare e il fatto che gli integratori che gli davo, probabilmente non erano assorbiti bene dal suo corpo; per finire, ero un pioniere che non aveva nessuno specialista a cui fare riferimento e chiedere consigli.

Posso affermare di conoscere molte persone che hanno avuto grande giovamento nella dieta, ma ne conosco anche altre che hanno dovuto smettere perché il ragazzo aveva accresciuto i propri problemi comportamentali (uno dei più grossi limiti che si hanno quando si parla di simili argomenti è che si enfatizzano solo i casi riusciti positivamente e non si parla mai dei fallimenti che si sono verificati).

 

Trovo perciò che innanzitutto bisogna essere onesti con sé stessi e avere il coraggio di fare delle scelte; se la Dieta si deve fare, bisogna partire sapendo che comporta grossi sacrifici di tipo familiare perché (anche se il Dottor Verzella del DAN! sostiene il contrario), c’è poco da dire, si soffrirà a tavola perché gli alimenti senza Glutine fanno schifetto anzichenò, non si potrà più uscire a cena con amici, addio alla Pizza e a tanti piccoli piaceri quotidiani……

Per non parlare poi dei sacrifici di tipo economico, perché questi tipi di trattamenti, sono costosi; basti pensare che lo Stato dà un contributo ai Celiaci per l’acquisto di prodotti senza Glutine, mentre per i Soggetti Autistici non è previsto nessun tipo di rimborso, ed un prodotto senza Glutine costa il Triplo di uno con Glutine; lo stesso vale per gli alimenti senza Caseina, e c’è da ricordare che il trattamento deve essere mantenuto rigidamente e durare per molti mesi.

 

Bisogna quindi valutare con onestà la situazione economica e il tipo di composizione della famiglia; chi ha soltanto quel figlio e ha la disponibilità economica, può decidere di farla senza problemi, chi ne ha più di uno sappia che chiederà in buona fede ma con una punta di egoismo al figlio o ai figli  “ sani “ dei notevoli sacrifici che non sappiamo in che modo saranno vissuti dal ragazzo o dai ragazzi.

Non voglio fare il pessimista, non voglio essere un disfattista, ma conosco casi di Famiglie con grosse problematiche, proprio a causa del fatto che i figli sani, portano rancore verso i genitori ed il fratello o la sorella Autistici; ricordiamoci che una ricerca della Regione Veneto su nuclei familiari con presenza figli Portatori di Handicap, ha registrato la massima percentuale delle Separazioni proprio in famiglie con Disturbi del Comportamento.

 

Ben avendo presente questi problemi, il mio consiglio per chi vuol fare la Dieta è di fare necessariamente tutti gli Esami proposti dai vari Protocolli Statunitensi (prendendo il DAN! come base di partenza, oppure il Great Smoke od anche il Great Plains); se gli esami dimostrano reali problematiche di Assorbimento di Glutine, sospendetene il consumo e fate la Dieta Senza Glutine; se il problema riguarda anche la Caseina, togliete anche tutti i derivati del latte, ma io consiglio di non cominciare la Dieta prima di avere fatto gli esami di laboratorio.

In ogni caso sappiate che non troverete Pediatri o Medici Condotti che approveranno la vostra scelta e che sapranno leggere i risultati degli Esami; se iniziate questa strada, dovrete avere assoluta fiducia delle persone che vi seguiranno fin dal momento della vostra scelta.

 

Per ciò che riguarda il danno da Vaccino, non c’è nessuno più di me convinto che l’Autismo regressivo di Mio Figlio sia dovuto a fattori riconducibili a “metabolic stressor” in seguito alla vaccinazione Trivalente Morbillo – Parotite – Rosolia , ma fino ad ora non ho ancora trovato il modo di dimostrarlo, devo anche aggiungere per onestà intellettuale che esistono molti studi che parlano di danni da vaccino, ma ve ne sono anche  molti altri che li negano in modo deciso; (un giorno o l’altro mi dedicherò anche alla raccolta di tutti questi studi).

Nei confronti del Dottor Montinari, posso dire che noi siamo stati da Lui alcuni anni fa; è stato una persona molto gentile e disponibile, ci ha spiegato con chiarezza il suo protocollo di Cura, a cui abbiamo rinunciato per una nostra sfiducia sulla Omeopatia (in particolare sul fatto che dubitavamo che  A. potesse assorbire in modo corretto le medicine) e per una certa complessità nelle modalità di assunzione dei prodotti da somministrare.

Dai tempi della nostra visita sono passati degli anni, sicuramente anche il suo protocollo si è affinato, e se ci sono genitori che già utilizzano l’Omeopatia e hanno un sospetto di Danno da Vaccino, io una Visita dal Dottor Montinari non la sconsiglio; quanto ai risultati delle sue Terapie invece non dispongo di dati sufficienti per dare un giudizio obiettivo.

 

Danno da Assorbimento di Metalli pesanti; anche qui c’è da parlare di Mercurio presente nei vaccini (che ora ci viene detto che è stato tolto dai vaccini appena prodotti, ma che pare sia ancora presente nelle nostre scorte (Vedi www.Melanippe.altervista.org), anche negli U.S.A. si parla di scorte di vaccino con Thimerosal fino al 2008); ma non si parla solo di vaccini, in quanto una Teoria piuttosto accreditata presso i Ricercatori di orientamento DAN! ma anche di altri Ricercatori è che il bambino con sindrome autistica presenta fragilità genomiche che riguardano il filtro detossificante, in particolare intestinale ed epatico, e pertanto il suo corpo non è in grado di espellere i metalli tossici, (Mercurio, Piombo, Alluminio, Cadmio, Arsenico), che finiscono per accumularsi nel cervello, rene, fegato ed ossa, a causa del progressivo inquinamento ambientale ed alimentare che accompagna e caratterizza la società industrializzata; vedi relazione nell’ultimo congresso SINPIA (andare su sito dell’Università di Modena), nel quale parlavano proprio di correlazione tra autismo ed assorbimento di metalli pesanti, in una zona degli USA; assorbimento probabilmente dovuto a uso di insetticidi di uso domestico.

 

Secondo queste Teorie i metalli sono certamente i principali responsabili di molti gravi comportamenti Autistici, ma purtroppo il loro ruolo non viene considerato dalla medicina specialistica; ma è proprio la Chelazione dei metalli pesanti ad aprire molte speranze per il futuro, in quanto un certo Dottor Rashid Buttar ha presentato all’ultimo Congresso DAN! uno Studio del 2004 sulla Chelazione che ha dato dei risultati straordinari a 21 bambini seguiti su 31.

Ed è una convinzione del DAN! che una progressiva messa a punto del Trattamento Chelante porterà ad un grosso recupero di bambini Autistici.

Anche in questo caso allego traduzione di un recente studio in cui si sono studiati 82 bambini Autistici e 55 bambini normali, mi colpisce molto il risultato dello studio, perché pur essendo di fronte di valori diversi tra i due campioni studiati: “ I livelli plasmatici medi di mercurio dei gruppi autistico e di controllo erano rispettivamente di 19,53 nmol/L per gli Autistici e 17,68 nmol/L per i normali ed i livelli medi di mercurio nei capelli dei gruppi autistico e di controllo erano rispettivamente di 2,26 e 2,07 ppm”, lo studio termina dicendo che i risultati del nostro studio indicano che non esiste relazione causale tra mercurio come neurotossina ambientale ed autismo.

Mi sono chiesto nella mia ignoranza, ma se gli Autistici hanno valori più alti, siamo sicuri che questa differenza non porti a complicazioni neurologiche?

La risposta a questo quesito mi è stata data da un Medico  che ringrazio : Le conclusioni dello studio derivano dal fatto che i livelli di probabilità che le differenze siano casuali (P) sono molto alti; di solito si considerano significativi i P<0,01 o < 0,05. le differenze tra autistici e controlli nei livelli di mercurio sono quindi così piccole da non essere significative, possono essere tranquillamente casuali.

 

Però stranamente i valori sono per tutti gli Autistici più alti di quelli dei ragazzi sani ed  io continuo ad avere la preoccupazione che tale problema sia gravemente sottovalutato dalla Medicina Tradizionale.

 

J Child Neurol. 2004 Jun;19(6):431-4.

Esposizione al mercurio nei bambini affetti da disordine dello spettro autistico: uno studio caso controllo.

Ip P, Wong V, Ho M, Lee J, Wong W.

Division of Neurodevelopmental Paediatrics, The University of Hong Kong, Hong Kong.

 

Anche se è stato dimostrato che il mercurio è neurotossico, mancano i dati per valutare una relazione causale tra mercurio ed autismo. Il nostro obiettivo è di vedere se nei bambini affetti da disordine dello spettro autistico vi sia un aumento dell’esposizione al mercurio. Nel 2000 abbiamo effettuato uno studio coorte crociato su un periodo di 5 mesi per confrontare i livelli di mercurio nei capelli e nel sangue di bambini affetti da disordine autistico (n = 82; età media 7,2 anni) e di un gruppo di controllo di bambini normali (n = 55; età media 7,8 anni). Non vi è stata alcuna differenza nei livelli medi di mercurio. I livelli plasmatici medi di mercurio dei gruppi autistico e di controllo erano rispettivamente di 19,53 e 17,68 nmol/L, (P = 0,15), ed i livelli medi di mercurio nei capelli dei gruppi autistico e di controllo erano rispettivamente di 2,26 e 2,07 ppm, (P = 0,79). Pertanto, i risultati del nostro studio coorte con [i risultati di] esposizioni ambientali simili al mercurio indicano che non esiste relazione causale tra mercurio come neurotossina ambientale ed autismo.

Trattamenti Farmacologici; una mia raccomandazione a Voi che mi leggete è di non fare trattamenti Farmacologici fai da te; leggete pure quello che vi mando io, leggete cose su altri portali, su Riviste Specializzate, ma non fate nulla da soli perché può essere pericoloso.

Se vostro figlio ha problemi per addormentarsi è ormai assodato che la Melatonina funziona senza dare effetti collaterali e assuefazione, so che ad alcuni Ragazzi/Adulti, sono stati prescritti Neurolettici Atipici tipo il Risperidone (Risperidal), Clozapina, Olanzapina, soprattutto per controllarne l’iperattività; ecco quello che ho trovato sull’argomento (in cui si nota ad esempio che gli effetti collaterali non sono pochi): “ I neurolettici agiscono selettivamente su varie classi di recettori presenti nel sistema nervoso centrale, dopaminergici, serotoninergici, alfa-adrenerergici, istaminergici, colinergici, nonché sui canali al calcio.

Indicazioni – I neurolettici (soprattutto l’aloperidolo a basso dosaggio) sono in grado di ridurre le stereotipie, il ritiro, l’iperattività, i disturbi relazionali, l’agitazione.

Effetti collaterali – Sintomi extrapiramidali acuti (tremore, rigidità, bradicinesia, distonie), sedazione, compromissione delle performance cognitive, ipotensione, aumento di peso corporeo, stipsi, incontinenza urinaria. Particolarmente grave è la comparsa delle discinesie tardive, ossia movimenti involontari correlati con l’uso cronico dei neurolettici, che costituiscono ancora oggi un serio challenge terapeutico.

Studi recenti, in aperto e in doppio cieco, condotti su gruppi di soggetti con disturbo autistico trattati con i neurolettici atipici (risperidone, clozapina, olanzapina), hanno dimostrato una certa efficacia di questi nuovi farmaci su alcuni sintomi comportamentali quali l’aggressività, l’autolesionismo, gli accessi di rabbia, l’iperattività, le stereotipie, i disturbi relazionali e una relativa bassa incidenza di effetti indesiderati.

Allego anche la traduzione di una Studio a breve termine eseguito nell’Università di Istambul proprio sul Risperidone in bambini piccoli.

 

Efficacia e sicurezza a breve termine del risperidone in bambini molto giovani affetti da disordine autistico (AD).

” World J Biol Psychiatry. 2004 Oct;5(4):211-4. Mukaddes NM, Abali O, Gurkan K.

Department of Child Psychiatry, Istanbul Medical Faculty, Istanbul University, Istanbul, Turkey. [email protected]

 

Recentemente, nei bambini affetti da disordine autistico (AD) sono state utilizzate terapie a base di antipsicotici atipici. Tuttavia, i dati sulla sicurezza e sull’efficacia degli antipsicotici atipici nei bambini autistici sono limitati. In questo studio aperto prospettivo ai soggetti è stato somministrato risperidone per sei settimane. Diciannove bambini (12 maschi, 7 femmine) aventi un’età compresa tra 4 e 8 anni hanno iniziato con una somministrazione di 0,5 mg al giorno con titolazione individuale fino ad un massimo di 1,5 mg al giorno. Le valutazioni comportamentali sono state completate per mezzo dell’indice genitoriale Conner a 10 item, la lista AD sintomatica e la scala CGI- Clinical Global Impression. Dalla visita di base al termine dello studio sono stati osservati miglioramenti statisticamente significativi nei punteggi totali medi dell’indice genitoriale Conner a 10 item (p< 0,001). Sulla base della scala CGI, 15 bambini sono stati considerati responder. E’ stato riscontrato un miglioramento statisticamente significativo anche in alcuni aspetti di contatto sociale, comportamento impulsivo-aggressivo e comportamento ripetitivo e ritualistico sulla base delle valutazioni effettuate con la lista AD sintomatica. Gli effetti collaterali più frequenti sono stati aumento di peso ed aumento nella durata del sonno notturno.

Ultimamente ho sentito parlare di somministrazione Orale di Zinco per controllare l’iperattività, la cosa è interessante e prometto che la approfondirò quanto prima.

 

Termino dicendo che grazie ad un mirato intervento terapeutico di tipo Cognitivo – Comportamentale, unito a terapie Logopediche eseguiti da mia moglie (con la supervisione di Esperti professionisti) , il Nostro Meraviglioso A. ha notevolmente migliorato la sua  comprensione, la soglia di attenzione, ed ha notevolmente diminuito la iperattività; adesso riusciamo a portarlo anche al Ristorante senza che crei alcun disturbo agli altri avventori.

 

Quindi la mia raccomandazione finaleè di fare sì ricorso, se volete alle Diete ma se avete bambini piccoli, mi raccomando, iniziate presto anche una educazione precoce, che preveda e tenga conto della disabilità che comporta questa sindrome e che miri ad una abilitazione o riabilitazione nelle aree deficitarie di sviluppo della persona colpita.

Influire con metodi comportamentali mirati, per essere di supporto a questa gravissima disabilità, riuscirà ad integrare nella maggioranza dei casi, le competenze deficitarie e a portare il bambino a molte autonomie indispensabili ad una vita integrata nel tessuto sociale.

Le abilità operative che si riusciranno a concretizzare in ambienti strutturati saranno la chiave per organizzare il tempo libero e far si che la persona autistica possa godere anche in ambienti non strutturati di una capacità di scelta autonoma e compatibile socialmente, farlo crescere nelle scelte in autonomia è l’obiettivo principale che noi genitori dovremmo prefiggerci anche nelle persone più colpite.

La Ricerca Scientifica è arrivata ad importanti considerazioni su come questa sindrome presuppone una mancanza di elaborazione di dati indispensabili per l’apprendimento di competenze sociali e che lo stesso cervello presenta delle anomalie di sviluppo.(vedi Articolo “I Disturbi dello Spettro Autistico” nella finestra Cos’è l’Autismo)

 

Informatevi perciò sul Metodo A.B.A. che sappiamo funzionare molto bene fino a circa i 6 anni di età (ma che ha come handicap gli alti costi della terapia), oppure provate ad utilizzare al massimo livello le opportunità studiate per oltre 30 anni alla Divisione TEACCH dal Dottor Schopler (che costa nettamente meno e di cui si trovano più Medici già formati).

Il TEACCH non rende i bambini dei Robot (come sostengono i suoi ormai pochi detrattori), ma li aiuta ad essere più sereni, li aiuta a comunicare con gli altri e soprattutto evita loro i dannosissimi stati d’ansia di cui soffrono (lo Specialista che ha seguito A. da piccolo e che utilizza il TEACCH ci ha ben spiegato questa Teoria secondo cui l’Autistico può avere crisi d’ansia perché non riesce a comprendere lo scorrere cronologico del Tempo e quindi non sa mai cosa lo aspetta di lì a poco, tenendolo costantemente in ansia).

Vi rimandiamo a tal proposito all’Articolo “Se il Vostro bambini non parla” pubblicato sul nostro Sito www.autismoonline.it  nella Finestra “Cos’è l’Autismo”.

 

Spero che Voi, nel leggere questi consigli, possiate trovarne giovamento e spunti di riflessione e sono disponibile a critiche, confronti e discussioni sull’argomento.

Roberto Rusticali Curatore di Autismo on line