Autismo Condizioni Mediche Associate

0 Pubblicato da mer, 03 aprile 2013, 11:42

A cura del Dottor Maurizio Elia; ( Ricercatore dell’ IRCCS “Oasi Maria SS.”, di Troina (EN).

Autismo: Condizioni Mediche Associate

Prenatali

Fattori di rischio gestazionali
Età materna > 35 anni
Perdite ematiche
Esposizione ad ormoni
Gestosi gravidica

Genetiche

Sindrome di Down
Sindrome del cromosoma X fragile
Anomalie cromosomiche di diverso tipo a carico di quasi tutti i cromosomi
(soprattutto cromosoma 7 e 15)
Sindrome di Rett

Infettive

Embriopatia rubeolica (rosolia connatale)
Embriopatia da citomegalovirus
Embriopatia da sifilide

Metaboliche

Fenilchetonuria
Istidinemia
Albinismo oculo-cutaneo
Mucopolisaccaridosi
Aumento della fosforibosilpirofosfato sintetasi
Deficit di adenilsuccinasi
Acidosi lattica
Ipocalcinuria
Disturbo del metabolismo delle purine
Ceroidolipofuscinosi
Deficit di carbossilasi multiple
Deficit di esterasi D

 

Malformative

Sindrome di Moebius
Sindrome di Cornelia de Lange
Sindrome di Noonan
Sindrome di Bardet-Biedl
Sindrome di Williams
Sindrome di Sotos
Sindrome di Luyan-Fryns
Sindrome di Joubert
Acondroplasia
Sindrome di Leber

 

Malformative del sistema nervoso centrale

Polimicrogiria
Macrogiria
Eterotopie
Cisti aracnoidee
Idrocefalo congenito
Porencefalia

 

Neurocutanee

Sclerosi tuberosa
Neurofibromatosi tipo 1
Ipomelanosi di Ito

Tossiche

Sindrome da benzodiazepine
Sindrome fetale-alcoolica
Sindrome da talidomide (focomelia)

Condizioni perinatali

Presentazione anomala (podalica, etc.)
Anossia
Basso punteggio di Apgar alla nascita
Iperbilirubinemia
Fibroplasia retrolenticolare
Distress respiratorio acuto

Condizioni postnatali

Encefalite da herpes-virus
Meningoencefalite da hemophilus influenzae
Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS)
Lesioni a carico del lobo temporale
Sindromi epilettiche specifiche (punta-onda continua durante sonno lento); circa il 25% dei soggetti con disturbo autistico presentano anche crisi epilettiche

 

Autismo: le alterazioni volumetriche a carico delle strutture del sistema nervoso centrale

  • – tronco cerebrale (Hashimoto et al., 1995);
  • – corpo calloso (Saitoh et al., 1995);
  • ­ lobuli VI-VII del verme cerebellare (Courchesne et al., 1988; Courchesne et al., 1994; Kates et al., 1998);
  • – lobuli VIII-X del verme cerebellare (Levitt et al., 1999)
  • ­ lobi parietale, temporale ed occipitale (Piven et al., 1996);
  • ­ nucleo caudato (Sears et al., 1999); ¯ nucleo caudato (Kates et al., 1998);
  • – amigdala, ippocampo (Kates et al., 1998);
  • – sostanza grigia amigdala anteriore, ­ sostanza grigia amigdala posteriore (Abell , 1999)

 

Autismo: le alterazioni biochimiche

Elevati livelli di serotonina nel sangue sono presenti in circa il 25% dei soggetti con disturbo autistico e tale alterazione metabolica è familiare (Cook et al., 1990). Questo è l’unico dato biochimico confermato in numerosi altri studi condotti su individui con autismo.