Pet Therapy

0 Pubblicato da gio, 18 aprile 2013, 11:33

ANIMALI Dl TUTTO DI PIU’

Nata negli Stati Uniti, solo da pochi anni viene praticata anche in alcuni centri del nostro Paese.

letteralmente significa “terapia con animali”, viene chiamata anche terapia dolce e prevede l’utilizzo degli animali per migliorare la qualità di vita delle persone e mira a seguire il soggetto problematico e non tanto il problema o la malattia, in tal modo l’animale diventa il ponte invisibile tra operatore e soggetto seguito.

La Pet Therapy si suddivide in:

Attività Assistita con Animali (A.A.T. ), che risulta essere una terapia vera e propria rivolta a persone con problemi fisici e/o psichici, da affiancare ad altre cure, dove viene precedentemente fatto un progetto individualizzato da seguire, che prevede la scelta dell’animale adatto in base allo scopo da raggiungere e la presenza di un’equipe multidisciplinare che collabori a tale progetto (compresa la Stesura e la verifica del progetto stesso).

Attività Assistite con Animali ( A.A.A. ). che mirano a migliorare la qualità di vita delle persone in situazione di disagio, in quanto l’animale risulta, essere un perfetto tramite per lo sviluppo delle relazioni.

La Pet Teraphy viene utilizzata anche a livello ludico ( gioco ), per la socializzazione, per favorire la comunicazione e per lo sviluppo e/o potenziamento della responsabilità e dell’autostima.Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

L’animale in sé è un “catalizzatore” sociale capace di creare situazioni positive e rilassanti; cane, gatto, cavallo, delfino (e non solo) sono gli animali più conosciuti che svolgono un importante ruolo nei confronti di persone con disabilità psicofisica.

Il cane, in particolar modo, è il soggetto preferito dai seguaci della Pet Therapy ; come cane sociale per migliorare le condizioni psichiche e/o fisiche di bambini, adulti, anziani; come cane di servizio per aumentare la mobilità delle persone con limitazioni fisiche, come cani da passeggio per persone cieche o sorde.

Delfinoterapia

E’ un’attività praticata negli Stati Uniti da oltre 15 anni, in Italia è giunta verso il 1993 e viene svolta nei mesi estivi, nei delfinari di Rimini e Brindisi.

E’ una terapia indicata nei casi di autismo infantile, negli stati depressivi degli adulti e per taluni disturbi psichici.

I benefici di tale attività sono dati dal rilassamento e da un completo benessere psico-fisico che si basa su contatti spontanei tra i delfini e le persone che nuotano e giocano con loro.

Per tale attività viene richiesta una buona acquaticità ( e purtroppo è problematico parteciparvi perché vi sono liste di attesa lunghissime, di oltre 6 mesi).

 

Per informazioni : Associazione ARION tel. 06 58243

Ippoterapia o Riabilitazione Equestre

E’ destinata a coloro che presentano disturbi neuromotorì, motorì. sensoriali e relazionali, (e quindi adattissima anche ai soggetti Autistici),

Il cavallo stimola il proprio “cavaliere’ nell’equilibrio, nel coordinamento motorio, nel processo Spazio-temporale.

Si ha, inoltre, un forte beneficio psicologico con conseguente aumento dell’autostima.

Gli scopi della Riabilitazione Equestre sono: conservazione degli arti sani e sfruttamento dei gruppi muscolari colpiti da alterazioni invalidanti; miglioramento della situazione statica e dinamica, ottenere dei miglioramenti sulle condizioni psichiche.

Elemento fondamentale di tale attività è il cavallo che mette a disposizione una ricchezza di strumenti naturali quali il ritmo, la sua corporeità, le sensazioni. provocate dal suo movimento, non statiche ma in continuo mutamento, che scatenano delle reazioni in chi ci sta sopra risvegliando in loro capacità che in altro modo difficilmente avrebbero potuto sperimentare, data la particolarità dello “strumento” utilizzato.

Gli animali in quest’ottica, diventano co-terapeuti, diventano il mezzo per raggiungere lo scopo. L’animale prima dì tutto offre la possibilità di stabilire una relazione, non fa domande, accetta incondizionatamente chi ha di fronte qualsiasi sia Ia sua patologia o problematica sociale.

In questo senso l’amicizia che si stabilisce con un’animale non è solo terapia, ma anche prevenzione e protezione dell’equilibrio psico-fisico dell’individuo article source.

Molto importante è l’elemento Iudico (gioco), il bambino in particolar modo attraverso il gioco raggiunge risultati difficilmente ottenibili con attività imposte prettamente terapeutiche e/o riabilitative.

Agli animali si può insegnare, dagli animali si può imparare.

Testo a cura di Chiara Menardi